Facebook Custom Audiences e Twitter Tailored Audiences


Custom Audiences e Tailored Audiences

In questi ultimi mesi stiamo assistendo ad interessanti cambiamenti in ambito advertising social.

Il più importante riguarda l’integrazione dei database, tramite email e numero di cellulare, con i principali social network Facebook e Twitter. In particolare stiamo parlando delle Facebook Custom Audiences e delle Twitter Tailored Audiences.

Partiamo da Facebook, senza dubbio il più interessante se non altro per il numero di utenti registrati e per la facilità di accesso alle nuove impostazioni pubblicitarie.

Le Custom Audiences offrono la possibilità di fare un matching tra il proprio database di indirizzi email o cellulari e gli utenti Facebook, in questo modo potremo costruire delle campagne pubblicitarie ad hoc per i nostri donatori. Pensate alle potenzialità di poter comunicare su Facebook solo con i nostri contatti caldi, o con i major donors, o altre profilazioni di nostro interesse.

Le Custom Audience inoltre offrono la possibilità di essere utilizzate per esclusione, con l’obiettivo di comunicare esclusivamente con gli utenti che non sono nei nostri database (acquisition).

Si pianifica attraverso Power Editor di Facebook o dai tool di terze parti (PMD – Preferred Marketing Developer). Il match tra e-mail/cellulari e utenti Facebook dipende da diversi fattori, il più importante è il target di riferimento, se il database è composto per lo più da email aziendali molto difficilemente troveremo una percentuale alta di corrispondenza con gli utenti Facebook; se al contrario il nostro db è composto principalmente da utenti privati i primi dati stimano addirittura un match del 70%.

Custom Audiences Facebook

Un’altra interessante opzione offerta dalle Facebook Custom Audiences sono le Lookalike Audiences. Si creano direttamente dal pannello Power Editor (o dai tool di terze parti), una volta caricato il nostro database tra le opzioni troviamo Crea un pubblico simile -> si sceglie il paese -> si ottimizza secondo ulteriori due opzioni: per “Somiglianza” (utenti più simili al pubblico esistente), per “Portata più ampia” (utenti con corrispondenza meno precisa e pubblico più esteso).

I primi risultati indicano risultati di performance molto incoraggianti:

  • +43% di conversione
  • -30% di cost per lead
  • -15% cost per like
  • -87% impressions per like
  • ROI 5 volte maggiore

Alcune tra le finalità di pianificazione:

1-      Si possono cercare i profili influencer delle proprie pagine Facebook (o pagine dei concorrenti) attraverso appositi tool e pianificare su questi.

2-      Si possono creare liste di persone (ad es Blogger) attraverso la ricerca dei loro profili Facebook (ci sono aziende specializzate in questo); una volta ottenuta la lista di Url possiamo convertirli in Facebook Id (www.findmyfacebookid.com) e pianificare una campagna su di questi.

3-      Possiamo creare una campagna ad hoc partendo da una lista di utenti che hanno per esempio abbandonato la donazione in un determinato passaggio (se abbiamo questo dato). Una sorta di retargeting sugli iscritti email.

4-      Trasformare una mailing list in Facebook fan.

5-      Escludere da una campagna gli iscritti al proprio db.

6-      Creare una campagna a partire dai prospect che non hanno mai aperto le email.

7-      Creare una campagna ad hoc per utenti con caratteristiche simili, ad esempio tutti quelli che si chiamano Davide (-> creatività “Ciao Davide hai visto cosa abbiamo per te?”)

8-      Creare una campagna verso i contatti Linkedin (è possibile scaricare una lista di contatti dalla propria pagina/profilo con dettaglio delle email) http://help.linkedin.com/app/answers/detail/a_id/3

9-      Creare una campagna per i donatori più attivi/top donors ecc.. a partire dalla loro email o telefono.

La lista potrebbe andare avanti ancora, vi invito ad indicarmi altre idee se ne avete!🙂

Come anticipavo all’inizio anche Twitter ha un sistema del tutto simile, le Tailored Audiences. Il problema principale è che ad oggi in Italia non ci sono sistemi “self service”, gli accordi vanno presi direttamente con Twitter e l’investimento minimo per un account pubblicitario è di circa 15.000€ in tre mesi. Speriamo che nei prossimi mesi questi limiti vengano un po’ ridimensionati e che l’accesso a questa nuova tipologia di advertising sia più alla portata di tutti.

6 pensieri su “Facebook Custom Audiences e Twitter Tailored Audiences

  1. Ciao e grazie! Non so tu che uso ne debba fare, io conosco questo http://social-intelligence.it/ che è a pagamento (parte da 29€/mese) ma è estremamente completo. Non so dirti se esistano tool gratuiti sul tema, ma così completi sicuramente non ne ho trovati.
    L’analisi delle tue pagine in realtà è un’attività che potresti fare anche manualmente, è chiaro che richiede tempo e dipende da quante volte vuoi aggiornare i tuoi dati.
    Spero di esserti stato utile, ciao!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...