Google Grants per il Nonprofit…Facciamo luce


Google Grants

Negli ultimi mesi ci sono delle novità per quanto riguarda il programma Grants che Google ha dedicato alle organizzazioni nonprofit.

Per chi ancora non conoscesse il servizio, si tratta della versione gratuita del servizio Google Adwords, la piattaforma pubblicitaria di Google che permette la pubblicazione di annunci (testo, immagini e video) sulle pagine dei risultati di ricerca e sui siti della rete di contenuti Google.

google-search-results

Chi può usufruirne

Tutte le organizzazioni che dispongono di uno stato di ente di beneficenza valido e attuale (sarà richiesto al momento della registrazione un documento che attesti l’iscrizione presso l’apposita anagrafe unica delle Onlus previa approvazione del Ministero delle Finanze).

Sono escluse dal programma le seguenti tipologie:

  • Enti e organizzazioni governativi
  • Ospedali e gruppi medici
  • Scuole, centri per l’infanzia, istituti accademici e università (i rami filantropici delle organizzazioni di formazione sono idonei)
  • Partiti politici, organizzazioni politiche e lobby

Limitazioni di Grants

Il programma dedicato alle organizzazioni nonprofit presenta alcune limitazioni rispetto alla versione a pagamento.

  • Innanzitutto l’offerta massima consentita per ogni parola chiave è pari a 2$ (fino a qualche mese fa il limite era 1$, quindi niente male!)
  • Il budget giornaliero massimo a disposizione è di 330$, ovvero 10.000$ al mese, il che consente di poter programmare campagne di tutto rispetto.
  • Si può usufruire solo della rete di ricerca Google, non della rete di contenuti. Quindi solo annunci testuali, non immagini e video.
  • L’account rimane attivo finché viene tenuto aggiornato, se non viene effettuato l’accesso per tre mesi consecutivi viene disabilitato (Google consiglia di accedere e apportare modifiche almeno una volta al mese).
  • Gli annunci e le keyword utilizzate devono rispecchiare la mission dell’organizzazione.

Come accreditarsi

1)      Il primo passaggio prevede la richiesta diretta a Google attraverso l’apposito modulo che trovate a questo link. Preparate i seguenti documenti

  • Nome dell’organizzazione registrata
  • Indirizzo postale
  • Città, Codice Postale, Numero di telefono
  • Url del sito web (Attenzione! Gli annunci potranno essere indirizzati soltanto all’URL incluso in questa domanda)
  • Tipo di non profit (troverete un elenco sulla pagina di registrazione)
  • Contatto del  referente presso l’organizzazione
  • Indirizzo mail del referente
  • Qualifica/funzione del referente
  • Numero di telefono del referente
  • Invio della documentazione originale relativa all’iscrizione presso l’apposita anagrafe unica delle Onlus (tramite apposito modulo online – dimensioni del file inferiori a 500 KB in PDF, TIF, JPG o GIF)
  • Codice fiscale

A questo punto dovrete attendere il responso di Google, di solito rispondono nel giro di una settimana, ma potrebbe volerci anche di più a seconda del numero di richieste gestite in quel periodo.

2)      Se siete stati scelti per far parte del programma dovrete attivare un nuovo account Google Adwords attenendovi scrupolosamente ad una serie di specifiche.

  • Impostare l’account con la valuta in USD (dollaro statunitense)
  • Non inserire i dati della carta di credito
  • Non creare nessuna campagna

A questo punto vi verrà inviato un link che dovrete seguire per poter sottoporre l’account all’esame di Google che automaticamente lo trasformerà in account Grants.

Il vantaggio per le Nonprofit

Stiamo parlando di circa 120.000$ di budget pubblicitario all’anno concesso in modo del tutto gratuito. Facendo due conti, se si calcola un cpc medio spesso inferiore ad 1$ per click, vi assicurerete almeno 10.000 visualizzazioni al mese di utenti potenzialmente molto interessati alla vostra organizzazione 😉

In questo modo potrete garantirvi  la copertura totale (o parziale, dipende dall’entità dell’organizzazione) di un’attività di advertising cpc e dedicare le vostre risorse in altre tipologie di attività di fundraising.

E’ importante sottolineare che la gestione ottimale di questo strumento non può essere improvvisata. Sono necessarie una serie di competenze che vi assicurino l’ottimizzazione delle campagne e quindi il raggiungimento del tetto di spesa a vostra disposizione, altrimenti finirete per sfruttare solo una parte dei 10.000$!

E il programma Google Grants PRO?

Fino a qualche mese fa era possibile, dopo un’attenta gestione dell’account e il raggiungimento per 3 mesi consecutivi del budget a disposizione (10.000$) nonché un piccolo test online, il passaggio al programma Google Grants Pro, ovvero fino a 40.000$ al mese di budget pubblicitario Google. Una cifra davvero importante! Peccato che attualmente non sia più possibile accedere a questo programma, la risposta ufficiale di Google è la seguente:

“Grazie per il tuo interesse per il programma Grantspro. Al momento non accettiamo nuove domande.”
😦

A questo link la pagina ufficiale del servizio Grants. Approfittatene… finché potete!

Annunci

5 pensieri su “Google Grants per il Nonprofit…Facciamo luce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...