Un mentore per la raccolta fondi?


Mentoring Usa

Un amico della rete, Luca Oliverio, mi ha chiesto di scrivere un post per MentoringItalia sull’importanza di un mentore nella vita di ognuno di noi. Ci ho  pensato un po’, pescando nella mia vita e in quegli strani incroci del destino che in qualche modo mi sono rimasti appiccicati addosso come momenti formativi.

Avrei voluto dare al post un senso coerente con questo blog, con la regione stessa del suo esistere, con l’ostinata ricerca di uno statuto professionale ed etico del fare fundraising… Ma tra le tante storie che sono tornate a galla, tra i tanti maestri che hanno aperto una strada nella mia vita, non sono riuscito a trovare un solo professionista della raccolta fondi (uomo o donna che fosse) che abbia realmente lasciato un segno, che abbia realmente dimostrato di credere nella crescita professionale, mia o dei miei colleghi fundraiser. Così ho dovuto ripiegare su una storia altrettanto importante, ma diversa da quella che avrei voluto condividere con voi.

Probabilmente sono stato sfortunato, probabilmente non sono capitato in realtà sufficientemente strutturate quando era il momento giusto…. Ma confesso che sento davvero la mancanza di una figura guida e che, dalla mia vita professionale, forse una delle poche cose che mi auguro davvero è quella di riuscire davvero a trasmettere alla mia squadra un po’ di passione, etica e coraggio in questo mestiere e mi piacerebbe che ognuno dei fundraiser junior potesse contare su una figura di “mentore” nel suo percorso professionale. E voi? Avete qualche storia di “mentoring” app da raccontare? Scrivetemela, se vi va…

Ecco comunque la storia del mio mentore…

29 anni. Qui in Italia sei un bimbo, almeno professionalmente parlando. Avresti voluto accumulare esperienze professionali, ma te le hanno precluse. Fai un lavoro fantastico, ti dici, hai iniziato a raccogliere fondi per i bambini che vivono in posti lontanissimi e sei contento…però quei bambini non li hai ancora visti. Almeno non quelli inseriti nei progetti per cui fai fundraising  e tutto sommato non sei ancora convinto che questo sarà il tuo futuro.

Poi un giorno arriva una telefonata. Abbiamo il Pavarotti & Friends. Bisogna organizzare il viaggio, portare in Italia i bambini della scuola d’arte di Siem Reap che balleranno durante il concerto e per cui costruiremo scuole, un centro d’arte, un centro nutrizionale…

Parte Marco, è ovvio, il progetto c’è perché lo ha voluto lui, ci ha creduto lui, lo ha portato in tv lui. Ma chi lo accompagna? “Uno dei progetti”, scatta la responsabile progetti… Beh ci sta penso io… Però come mi piacerebbe essere io il prescelto, parlo anche francese. Che faccio, mi propongo? No, dai, non sei ancora nessuno, penso, cosa ci vai a fare? Rischi solo di essere di intralcio.

“Parte uno del consiglio direttivo”, dice il direttore… Beh, ci sta, penso io, qui c’è bisogno di qualcuno che poi possa relazionarsi ai più alti livelli, che possa raccontare il progetto a Pavarotti a prescindere anche da Marco… Però, come mi piacerebbe poterci andare, non ho fatto di tutto pur di iniziare a fare questo lavoro che da universitario pensavo impossibile? E non l’ho fatto perché mi portavo dentro una grande voglia di attivarmi per i più poveri del mondo, soprattutto i bambini?

Poi sento che arriva una telefonata di Marco. “Ma sentite, ma quei due ragazzi che abbiamo preso, i due fundraiser: ma se vogliamo che raccolgano soldi per i progetti non sarà il caso che ci venga uno di loro con me? C’è la ragazza che mi sembra abbia esperienza, potrebbe venire lei…”. Risponde il direttore: “potrebbe essere una buona idea… Però lei deve sposarsi, non credo abbia tempo e voglia di partire in questo periodo”.  E Marco: “be’ allora il ragazzo, Paolo: se la faccia lui questa esperienza. Poi serve anche qualcuno che stia dietro ai bambini in quei giorni… Non serve a molto che ci venga uno del Consiglio Direttivo”…

È iniziato tutto così, quel viaggio l’ho fatto proprio io. E non l’ho fatto come premio. O come una vacanza. L’ho fatto proprio perché ero un fundraiser. L’ho fatto proprio perché il mio lavoro non era un lavoro come un altro, perché il mio lavoro era al servizio di quei bambini e di quel paese. Perché ero un professionista (per quanto in erba) del marketing e della comunicazione, ma applicati a una buona causa e senza questa causa il mio lavoro non aveva un senso… O comunque ne aveva un altro.

È iniziato tutto così: quel viaggio è stato un’esperienza umana meravigliosa. Quei bambini me li porto ancora nel cuore, come mi porto nel cuore tutti i bambini e i ragazzi che ho incontrato in questi 15 anni di lavoro. E da quel giorno, una volta per tutte, ho deciso che avrei fatto il fundraiser e avrei continuato ad occuparmi di diritti dei bambini. Grazie a Marco Scarpati (#ilmiomentore inconsapevole) a quel viaggio straordinario.

Se pensi di dover dire grazie a qualcuno che ti ha ascoltato, spronato e insegnato a diventare la persona che sei, manda un Sms al 45507 per dare la possibilità a tanti ragazzi di avere una guida al proprio fianco che sia anche per loro un modello positivo. Fino al 30 settembre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...