Zooppa: dai spazio alla tua creatività per difendere l’ambiente


Permettere ai vostri utenti di creare i contenuti della vostra ultima campagna, è uno dei modi più intelligenti di sfruttare le caratteristiche “democratiche” del web 2.0, sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema che vi sta a cuore, accrescere la vostra visibilità on line, ridurre i costi di promozione e, perché no, raccogliere un po’ di fondi in più, sia in rete che offline.

Il successo di I Go sta tutto là: aver offerto attraverso il canale giusto (Internet), a un target giusto (i suoi militanti, ma non solo), un modo per esprimersi in totale libertà, fermi restando alcuni contenuti fondamentali della campagna per la moratoria sulla caccia alle balene.

Sulla scia della campagna di Greenpeace molte cose si stanno muovendo in rete e in Italia, dove il web 2.0 forse non è ancora mai esploso in tutta la sua evidenza, c’è ancora molto spazio libero per sfruttare le potezialità di campagne fatte dagli User Generated Content.

Se però siete timidi e non volete rischiare di mettere in piedi una campagna sul modello di quella messa in piedi da Greenpeace International (e del resto neanche Greenpeace Italia ha avuto il coraggio di arrischiarsi decisamente su questa strada), ma volete comunque provare a fare qualcosa di interessante su Internet, un’alternativa potrebbe essere quella di appoggiarvi a un sito esterno che proprio sui video generati dagli utenti ha decisio di vivere.

Uno dei nomi che promette molto bene è Zooppa (immagino si pronunci Zuppa) e si autodefinisce il primo startup italo-americano.

Zooppa Step

Il concetto alle spalle è molto semplice ed è ben descritto nella testata del sito: Zooppa vi da un brand (un marchio commerciale, o anche una buona causa) e un brief. Voi ci fate su uno spot pubblicitario. Voi e gli altri utenti lo votate. Il più votato si prende i soldi messi a disposizione dallo sponsor che ha chiesto la campagna (e magari se è proprio bravo si fa anche notare da qualche agenzia, aggiungo io).

Zooppa Tomtom

Con le cause sociali funziona in maniera leggermente diversa. In questo caso non dovete essere voi a sborsare i vostri soldini. Anzi, il premio a disposizione vi viene addirittura donato al termine della gara (anche se io suggerirei un meccanismo misto a quelli di Zooppa…).

Il progetto, arrivatomi via Francesco Santini, è ancora in fase di partenza, ma i ragazzi di Zooppa mi sembra si stiano dando da fare già molto bene e, insieme ai concorsi sponsorizzati, hanno già dato vita a un primo “contest” su cause di interesse sociale. Guarda caso anche qui si parla di ambiente (in particolare di surriscaldamento globale) e beneficiaria e ancora una volta l’amatissima Greenpeace e se date un’occhiata alla pagina dedicata alla gara vi potrete accorgere che basta davvero un’idea, senza alcuna altra risorsa che una videocamera, per parlare e far parlare i vostri sostenitori della vostra causa e, se ci riuscite, anche per farvi fare il vostro prossimo spot tv a costo zero.

Zooppa Global warming

Visto che i ragazzi di Zooppa mi assicurano che non si fermeranno qui, spremete le meningi e provate a farvi venire un’idea… chissà che i prossimi fortunati non possiate essere voi.

Zooppa Postcard

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...