Sei passi per un’email di successo!


Katya Andresen, la donna che sta dietro il grande successo di Network for Good negli Stati Uniti, è una vera e propria dispensatrice di consigli utilissimi per chiunque si occupi di Internet fundraising.L’ultimo distillato della sua saggezza è il frutto della rielaborazione di un ponderoso benchmark prodotto da Marketing Sherpa, una società specializzata nel marketing intelligence e nel benchmarking di cui, come al solito, Katya ha saputo trarre l’essenza.

Katya

Ed ecco a voi, appena usciti dal suo blog, sei consigli d’oro per un’email di successo:

1. L’opt-in: rendetelo il più facile possible e non costringete i vostri visitatori a una lunga ed estenuante ricerca. Mettete il form di iscrizione in home page e non frapponete troppi passaggi tra la decisione di iscriversi e il completamento della procedura;

2. Il messaggio di benvenuto: solo la metà delle organizzazioni indagate da Marketing Sherpa ringrazia per l’iscrizione nel giro di 72 ore. Eppure per iniziare una conversazione basta davvero poco, anche un semplice ciao. Fatelo!

3. le email che completano una transazione (le ricevute, nel mondo offline) sono quelle con il più alto tasso di apertura: non sprecatele! Usatele per ringraziare e per offrire ai donatori ulteriori contenuti… senza estenuarli, possibilmente, con nuove richieste.

4. la reputazione è tutto e su Internet conta ancora di più. Evitate che un provider arrivi a bloccare le vostre mail perché vi ritrovate una lista di persone che non vogliono ricevere le vostre comunicazione e tassi di bounce troppo alti. Meglio ripulire spesso le vostre liste e, soprattutto, non affidarle a società di dubbia onestà.

5. Design e rendering: lo sapevate che moltissimi client di posta elettronica bloccano per defaul il download delle immagini? E che moltissima gente legge le email soltanto in anteprima? E allor? Assicuratevi che le vostre email appaiano completamente diverse da tutto ciò che è spam. Secondo: assicuratevi che se le vostre immagini sono bloccate ci sia comunque qualcosa di interessante da leggere. Terzo: mettete i contenuti più rilevanti in testa e sulla sinistra, in modo che anche nell’anteprima siano visibili.

6. La landing page: è la grande occasione per far soldi. Perciò non vi accontentate di una grande email. Preparate una ancora più grande landing page per trasformare ogni click in una donazione.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...