Chi cerca… aiuta!


Google ProductsSu Internet nessuno di noi ne può fare a meno. Senza ci sentiremmo persi, incapaci di orientarci nel mare magnum della rete. Costretti a navigare a vuoto in un maelstrom denso di pericoli o a peregrinare, come sto facendo io in questi giorni, tra un link e l’altro, in mezzo a centinaia di blog e forum (bella esperienza, ma bisogna avere tempo o accettare di presentarsi al lavoro con due tremende borse sotto gli occhi o mettere a repentaglio la propria vita coniugale…).

Ovviamente sto parlando dei motori di ricerca, il più famoso dei quali, Google, è ormai diventato qualcosa di più di un semplice, efficiente e “unico” indicizzatore di informazioni.

Ma se navigare attraverso i motori di ricerca , anzi attraverso “il” motore di ricerca per eccellenza, è diventata la più scontata delle abitudini , perché non provare a ravvivare, da un lato la concorrenza penetrando in nuovi mercati, e dall’altro non trasformare questa abitudine in uno strumento di comunicazione e raccolta fondi per le associazioni?

E’ quello che ovviamente hanno pensato alla Microsoft quando per rilanciare il loro Live Search hanno pensato bene di unirlo a una campagna di raccolta fondi per l’UNHCR come già scritto in uno dei post precedenti, ma è quello che sta succedendo anche per alcuni servizi che usano la tecnologia di Yahoo negli Stati Uniti.

Due di queste iniziative mi sono state segnalate dalla Ezine della EPhilanthropy Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a Washington DC che ha tra gli scopi principali quello di promuovere presso le associazioni non profit un uso professionale di Internet per migliorare la comunicazione con i propri donatori e incrementare la raccolta fondi.

Good Search

Il primo è quello di Good Search, un motore di ricerca che già oggi ospita più 28.000 (!!!) organizzazioni non profit e scuole e che registra un ritmo di adesione di più di 100 iniziative al giorno.

Il meccanismo è semplice, sia dal lato dell’associazione che da quello del navigatore. L’associazione (o la scuola) deve semplicemente registrarsi fornendo tutta una serie di indicazioni e rimanere in attesa che il servizio verifichi la sua reale esistenza. Una volta inserita nel database, l’associazione inizia a promuovere fra i suoi afficionados la possibilità di contribuire alla propria causa semplicemente attraverso la ricerca con Good Search.

Il navigatore, che può anche installare la sua toolbar di ricerca su I.E., Firefox o Safari, deve semplicemente ricordarsi di usare il servizio e di indicare, ogni volta, l’associazione che intende sostenere.

I ritorni dell’operazione per l’associazione sono collegati ai profitti generati dalla pubblicità e al numero di ricerche effettuate indicando il suo nome. Proprio per questo non è possibile fare previsioni certe. I fondatori del sito dicono di porsi come obiettivo quello di distribuire alle organizzazioni il 50% degli incassi da pubblicità destinando quindi circa 0,01 $ per ricerca.

FreelanthropyStesso funzionamento per Freelanthropy che però grazie alla sua Toolbar offre alle associazioni aderenti anche la possibilità di veicolare il proprio logo attraverso i pc dei propri sostenitori. La toolbar infatti è customizzabile. A differenza di Good Search, inoltre, il servizio à disponibile non solo negli USA ma anche in Canada.

Insomma, il pay-per-search inizia a diffondersi in rete, e insieme ai widget, ai servizi di raccolta fondi come Networkforgood di Yahoo negli USA, o di sola promozione come quelli offerti da Networkforgood in Italia o alla possibilità di ottenere spazi pubblicitari gratuiti su Google grazie al programma Google Grants sembra i motori di ricerca stiano diventando sempre più solidali.

Annunci

Un pensiero su “Chi cerca… aiuta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...