Money, money, money… reprise


Vediamoli un po’ più nel dettaglio i dati dell’eCRM Nonprofit Benchmark Index Study di Convio.

Traffico Mensile
Il primo aspetto considerato è quello relativo al Traffico Mensile, misurato attraverso il numero di visitatori unici mensili. Si tratta di un dato fondamentale, come rilevato in precedenza, perché è solo attirando nuovi utenti, stimolandone la navigazione sul sito e facendoli ritornare, che le organizzazioni possono trasformare i visitatori in contatti registrati su cui costruire campagne di email marketing.

Nel periodo considerato (luglio 2005-giugno 2006), la media è stata di 26.481 visitatori unici per mese con una significativa prevalenza delle organizzazioni cristiane (64.916 visitatori unici mensili). Complessivamente, nel corso dell’anno l’aumento di traffico è stato del 30%.

Tasso di registrazione
Questo è l’indice che misura la percentuale di nuovi visitatori che si registrano sul sito ogni mese, calcolato dividendo il numero dei nuovi registrati per il numero totale dei visitatori mensili. In genere questo viene considerato un buon indice per valutare l’interesse del visitatore verso una relazione di lungo periodo.

Anche in questo caso il dato che emege è particolarmente interessante per le organizzazioni cristiane. Se infatti la media si aggira intorno al 2,8%, per le organizzazioni cristiane siamo di fronte a un sensazionale 12,5%, un dato che viene spiegato però non attraverso il ricorso a categorie religiose, ma attraverso l’uso innovativo di reach media (video, flash, podcast, etc.) e il largo ricorso a benefici particolari per chi si iscrive.

Dimensioni dell’indirizzario
Come sa qualsiasi fundraiser il database è uno dei principali (o il principale, per chi crede nel solo direct marketing) asset di un’organizzazione non profit.

Ebbene, tra le 30 associazioni incluse nel campione di Convio il numero medio di iscritti è di 70.141 indirizzi (ovviamente non è detto che siano tutte persone diverse) con una crescita annua del 47,05%!!

Altro dato rilevante è che la crescita più spettacolare, l’89,89%, si è manifestata proprio tra le associazioni più piccole (quelle con meno di 50.000 iscritti).

Appelli di fundraising: aperture, click-through e response (o donation) rate
Entriamo nei dati forse più succosi di tutta la ricerca (anche perché in Italia costituiscono una sorta di segreto di Fatima), quelli che in genere fanno dormire sonni agitati a tutti i fundraiser che si cimentino con Internet: le aperture (ossia la percentuale di destinatari che apre o vede una mail), il click-through rate (la percentuale di quanti clicanno sul almeno un link) e il response o donation rate (la percentuale di quanti chiudono positivamente l’azione desiderata, in questo caso la donazione).

I dati conclusivi sono questi: il tasso di apertura medio è stato del 22%, il click-through è stato del 3% e il tasso di donazione dello 0,28%, con una punta di eccellenza nel settore della Protezione Animali dove si è toccato lo 0,89%.

Ma di quanti soldi stiamo parlando? A quanto ammonta la donazione media? A queste ed altre domande, si darà risposta nel prossimo post…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...